ページの画像
PDF
ePub

Se m'ami, o re, per l'onor vero a morte.
Ferro e braccio ho pur io, nè vacui spargo
Miei colpi; anch'esso il mio ferir fa sangue.
Più non v'è madre dea, che in ombre ascosta
Feminea nube a quel fugace intrecci.
Ma piange Amata, odia il cimento, e il caldo
Gener rattien, quasi a morir la tragga:
Pel rio mio duol, per l'onor mio, se il curi,
Deh! Turno ( oh il solo all'egro cuor conforto,
Speme alla curva età, che il lustro e il regno
Serbi a Latin, sei della casa il folcro),
Ciò sol ti chieggo: ah non voler co Teucri
Mischie tentar. Qual che n'avrai vicenda,
Turno, e su me cadrà: morrò se muori;
Nè un stranio Enea gener vedrò cattiva.
Sentì la figlia i costei lagni, anch'ella
Di pianto aspersa; e igneo rossor l'accese,
Tutte le scorse infiammator le gote.
Qual s Iadi avori a lucid'ombra inostri
Sangue, o di gigli a nembo roseo misti
Arda il candor: tal le si tinse il viso. a
Lui turba amor; gli occhi in lei fisa, e all'armi
Vie più s'accende; indi ad Amata in fretta:
Nè a pianti, ah! no, nè a sì pesanti auguri
M'insegui, o madre, or che a ria lotta io corro:
Sviar non può da fatal morte un Turno.-
Mio nunzio, Idmon, questi men cari accenti

Reca al Frigio rettori che, surto all'etere
VIRGIL. Eneid. Tom. II. R r

Puniceis invecta rotis Aurora rubescit,
Non Teucros agatin Rutulos: Teucriim arma quiescant
Et Rutultim: nostro dirimamus sanguine bellum:
Illo quaeratur conjua Lavinia campo. 8o
Haec ubi dicta dedit, rapidus in tecta recessit:
Poscit equos, gaudetgue tuens ante ora frementes;
Pilumno quos ipsa decus dedit Orithyia; -
Qui candore nives anteirent, cursibus auras.
Circumstant properi aurigae, manibusque lacessunt
Pectora plausa cavis, et colla comantia pectunt.
Ipse dehinc auro squalentem alboque orichalco
Circumdat loricam humeris; simul aptat habendo
Ensemque cl peumque, et rubrae cornua cristae:
Ensem, quem Dauno ignipotens deus ipse parenti
Fecerat, et Stygia candentem tinacerat unda. 91
Eacin, quae mediis ingenti adniaca columnae
AEdibus adstabat, validam vi corripit hastam,
Actoris Aurunci spolium quassatgue trementem,
Vociferans: Nunc, o numquam frustrata vocatus
Hasta meos, nunc tempus adest: te maximus Actor,
Te Turni nunc dea tra gerit: da sternere corpus,
Loricamque manu valida lacerare revulsam
Semiviri Phrygis, et faedare in pulvere crines
Vibratos calido ferro, myrrhaque madentes. 1oo
His agitur furiis, totoque ardentis ab ore
Scintillae absistunt; oculis micat acribus ignis:
Mugitus veluti quum prima in proclia taurus
Terrificos ciet, atque irasci in cornua tentat,

Sul rancio cocchio il nuovo dì, su i Rutuli
Non spinga i suoi: Rutuli e Teucri quetinsi:
Col mio sangue o col suo la guerra sciolgasi:
Quel nostro agòn sia per Lavinia il pronubo.
Disse, e vola al suo tetto: e chiede e gode
Mirar frementi i be' cavai, che dessa
Diè a Pilunno Orizia, mirabil dono;
Più che nevi al candor, più ch'euri al corso.
Ferve ogni auriga, e a cave man su i petti
Plaude sonanti, e l'ampie giubbe assesta.
Poi gran lorica egli s'indossa a squame
D'albo oricalco e d'or; già pur lo scudo
S'atteggia, e l'elmo a rubra cresta e il brando:
Brando, che di sua man pel padre Dauno
Fe il dio del fuoco, e il tuffò rosso in Stige.
Va quindi in mezzo al regal atrio, e afferra
La valid'asta, a gran colonna apposta,
Spoglia d'Attore Aurunco, e alta tremante
La squassa e grida: Asta, che ognor mi fosti
Presta al desir, questo è il gran dì: te Attorre
Brandì, te orio: dammi atterrar quel Frige
Mezz'uom, squarciar con forte man lo svelto
Mal cinto usbergo, e al suol bruttarne i crini
Di mirra intrisi, e a caldo ferro attorti.
Tal va in fiamma e furor, dal volto tutto
Scoppian scintille; arde sanguigno il ciglio:
Fier toro ei par che anzi alla giostra orrendi
Dà i mugghi, e il corno a irati cozzi addestra,

Arboris obniacus trunco, ventosque lacessie
Ictibus, et sparsa ad pugnam proludit arena.
Nec mini,s interea maternis saevus in armis
AEneas acuit martem, et se suscitat ira,
Oblato gaudens componi foedere bellum.
Tum socios maestique metum solatur Iuli, I IO
Fata docens; regique jubet responsa Latino
Certa referre viros, et pacis dicere leges.
Postera via summos spargebat lumine montes
Orta dies, quum primùm alto se gurgite tollune
Solis equi, lucemgue elatis naribus efflant:
Campum ad certamen, magnae sub maenibus urbis,
Dimensi Rutulique viri Teucrique parabant;
In medioque focos, et dis communibus aras
Gramineas; alii fontemgue ignemque ferebant,
Velati limo, et verbena tempora vincti. I 20
Procedit legio Ausonidum, pilataque plenis
Agmina se fundunt portis: hinc Troius omnis,
Tyrrhenusque ruit variis earercitus armis:
Haud secus instructi ferro, quam si aspera Martis
Pugna vocet. Nec non mediis in millibus ipsi
Ductores auro volitant ostroque decori,
Et genus Assaraci Mnestheus, et fortis Asylas,
Et Messapus equiim domitor, Neptunia proles.
Utque, dato signo, spatia in sua quisque recessit,
Defigunt tellure hastas, et scuta reclinant. 13o
Tum studio effusae matres, et vulgus inermum,
Invalidique senes, turres et tecta domorum

Lo arruota a tronchi, e i venti fere, e in moto
La lizza ei pon, sparge co' piè la sabbia.
Quì Enea non men marte risveglia, e baldo
L'armi cinge materne, e l'ire aduna,
Lieto all'offerta, onde le pugne han fine.
Quindi e il pavido Giulo e i suoi conforta,
Schierando i fati; e al re Latin per messi
Fa pretti udir di legal pace i patti.
Ai primi rai, che l'altro dì sul monte
Lanciò, quand'alza Eto e Piroo la testa
Da gorghi, e lume a ritte nari sbuffa:
L'oste Rutula e Teucra il chiuso in giro
Campo agonal nel gran pomerio appresta;
Chi lari in mezzo, e a dii comun di cespi
Pon verde altar; l'acqua chi porta e il foco,
Co i veli a sbieco, e le verbene in fronte.
Vien degli Ausonii e a piene porte sbocca
Grave d'aste lo stuol: poi tutto accorre
Moltiforme nell'armi e il Frigio e il Tosco:
Non forti men, che se campal gl'inviti
Marzio conflitto. E tra le torme in mostra
D'ostro fulgidi e d'or scorrono i duci,
Mnésteo stirpe d'Assarco, e il forte Asila,
E il pro a corsier, nato a Nettun, Messapo.
Poi tosto, al segno, entro a lor chiostre ir tutti,
Figger l'aste nel suol, posarvi i scudi.
Sulle torri e pe' tetti il volgo inerme,
L'avide madri, e i debil vecchi, a stormi

« 前へ次へ »