ページの画像
PDF
ePub

Nè degli Ausoni io farò donni i Teucri,
Nè regni io vo'. Sia legal nodo eterno
Fra le invitte due genti. Io numi e riti
Darò: Latin l'armi terrà; solenne
Terrà il poter, suocero mio: mi s'erga
Città da miei, diale Lavinia il nome.
Latin poi siegue, e gli occhi leva e tende
Le palme al ciel: Fo i giuri miei pe stessi
Tuoi pegni, Enea; l'acque, e la terra, e gli astri,
E il Dio bifronte, e ambo i Latonj invoco,
Delle Furie il valor, gli orror di Dite.
M'oda il gran re fulminator de' felli.
Tocco l'are; n'attesto e i fuochi e i numi:
Dì non fia, che tal nodo a Italia rompa,
Che che verrà; nè alcun poter, che i sensi
Mi svolga in cuor; non, se diluvio in l'onde
Sparga la terra, o il ciel sprofondi all'orco:
Com'esto, ch'ho alla man, scettro nè rami
Nè ombre mai spargerà con mobil fronda,
Dacchè in selva sterpato, orbo di madre,
Sotto il ferro ha giù poste e chiome e braccia;
Già pianta, or fabbro in gajo bronzo il chiuse,
E il feo segnal che i Latin padri onora.
Sciogliean tai preci alla gran lega intesi
Fra i lor primati. Eccoli poscia in gorga
L' ostie ferir sacre all'ardor, gli entragni
Trar vivi e offrirgli in colme lanci all'are.
Ma già tal pugna inegual d'arte a Dauni

Jam dudum, et vario misceri pectora motu:
Tum magis, ut propius cernunt, non viribus aequi,
Adjuvat incessu tacito progressus, et aram
Suppliciter venerans demisso lumine Turnus, 220
Tabentesque genae, et juvenali in corpore pallor:
Quem simulac Juturna soror crebrescere vidit
Sermonem, et vulgi variare labantia corda,
In medias acies, formam adsimulata Camerti,
Cui genus a proavis ingens, clarumque paternae
Nomen erat virtutis, et ipse acerrimus armis,
In medias dat sese acies, haud nescia rerum,
Rumoresque serit varios, ac talia fatur:
Non pudet, o Rutuli, pro cunctis talibus unam
Objectare animam? numerone an viribus aequi 250
Non sumus? En omnes et Troès et Arcades hi sull,
Fatalisque manus, infensa Etruria Turno:
Via hostem, alterni si congrediamur, habemus.
Ille quidem ad Superos, quorum se devovet aris,
Succedet fama, vivusque per ora feretur:
Nos, patria amissa, dominis parere superbis
Cogemur, qui nunc lenti consedimus arvis.
Talibus incensa est juvenum sententia dictis
Jam magis atque magis; serpitque per agmina murmio
Ipsi Laurentes mutati, ipsique Latini: 24)
Qui sibi jam requiem pugnae rebusque salutem
Sperabant, nunc arma volunt, foedusque precano
Infectum, et Turni sortem miserantur iniquam.
Fis aliud majus Juturna adjungit, et alto

Parve, e svegliò torbidi moti: or presso
. Cresce il timor, forze al pesar men pari.
Più Turno il grava, ei ch'egro muove, e piomba ,
Supplice all'are a bassi rai pensoso,
Profila il volto, e in suo bel fior si sbianca.
Com'ella ir vide il romor cupo in giro,
E i cuor del volgo egri ondeggiar, Giugurta,
Là in mezzo a suoi, preso a mentir Camerto,
Grand'uom d'avito alto splendor, del padre
Chiaro per l'armi, e pien di marte anch'esso,
Di nulla ignara entra là in mezzo, e semi
Sparge d'atri susurri, e franca intuona:
Rutuli, e che? non fa rossor per tanti
Espor quest'uno? a numer forse o a nerbo
Siam men? Pur quì gli Arcadi e i Troj son tutti,
E a Turno infesti, oste fatal, gli Etruschi:
Nè tutti, a due contro un, v'abbiam nimico.
Lui fia che fama erga agli Dei, cui sacra
Per noi suoi giorni, e in ogni bocca ei viva:
Ma noi perder la patria, e a donni alteri
Dovrem servir, noi ch'or cessiam dall'armi.
Lo stuol già caldo a questo dir s'infiamma
Più sempre e più; fier già ne serpe il rombo.
Anche il Laurente, anche il Latin, che scampo
Sperò da guai, dal battagliar riposo,
Or cangiato vuol armi, i patti or brama
Sciolti, e di Turno il reo destin compiange.
La suora dea cosa maggior quì aggiunse;

Dat signum caelo; quo non praesentius ullum
Turbavit mentes Italas, monstroque fesellit.
Namque volans rubra fulvus Jovis ales in aethra
Littoreas agitabat aves, turbamque sonantem
Agminis aligeri; subitò quum lapsus ad undas
Cycnum eacellentem pedibus rapit improbus uncis.
Arrea:ere animos Itali; cunctaeque volucres 251
Convertunt clamore fugam (mirabile visu! )
AEtheraque obscurant pennis, hostemgue per auras
Facta nube premunt; donec vi victus et ipso
Pondere defecit, praedamque ea unguibus ales
Projecit fluvio, penitusque in nubila fugit.
Tum verò augurium Rutuli clamore salutant,
Earpediuntgue manus; primusque Tolumnius augur:
Bloc erat, hoc votis, inquit, quod saepe petivi;
Accipio, agnoscoque deos. Me, me duce, ferrum
Corripite, o miseri, quos improbus advena bello 261
Territat invalidas ut aves; et littora vestra
Vi populat: petet ille fugam, penitusque profundo
Vela dabit: vos unanimi densate catervas,
Et regem vobis pugna defendite raptum.
Diacit, et adversos telum contorsit in hostes
Procurrens; sonitum dat stridula cornus, et auras
Certa secat: simul hoc, simulingens clamor, et omnes
Turbati cunei, calefactaque corda tumultu. 269
Hasta volans, ut fortè novem pulcherrima fratrum
Corpora constiterant contra, quos fida credirat
Una tot Arcadio conjua Tyrrhena Gylippo;

Diè in alto un segno, atto a turbar più ch'altro
L'Itale menti e a lusingarle assorte.
Aquila falba in rubro ciel volando
Spauria fuggenti e augei lagustri, e alato
Sonante stuol; quando giù scesa all'acque
Cruda ghermì coll'unco piè bel cigno.
Scosse gl'Itali il ratto; e allor que stormi
Volser fronte stridendo, e (oh strano a dirsi!)
Fan d'ale un manto, e a fitta nube il ladro
Stringon per l'aure; alla lor forza e al peso
Quei cesse alfin, lascia dall'unghie al fiume
Cader la preda, e oltre le nubi ei fugge.
Plaude il Dauno all'augurio, e all'opra il braccio
Spaccia; e primier l'augur Tolunnio: Ah! questo
Quest'era, esclama, il mio gran voto; intendo,
Ravviso i dei. Rutuli, olà, me duce,
All'armi, o voi, che il rio stranier, com'egri
Augei, sparpaglia, e ne devasta i lidi:
Ben fia, ch'ei fugga oltre il gran mar: voi tosto
Tutti d'un cuor, tutti in un stuol v unite,
Salvate il re, ch or la tenzon v'invola.
Dice, e s'avventa, e sul nemico a fronte
Scaglia un astil; fischia per l'aure, e vola
Certo in sua via: s'alza gran voce, e tutto
Sbalza lo stuol, scalda il tumulto i petti.
Nove assai bei contro sorgean germani,
Che all'Arcadio Gilippo Etrusca sposa
Fedel di tutti; il fatal cerro un d'essi

« 前へ次へ »