ページの画像
PDF
ePub

Trassermi a te con dolce fato. Un Dardano,
Padre d'Ilio e fattor, che in giogo Atlantico
D'Elettra nacque, al dir de Graj, vien Teucrico:
Or d'Elettra fu padre Atlante il massimo,
Posto a folcir l'immenso ciel coll'omero.
Te Mercurio figliò, cui Maja candida
Sul gelato die fuor Cillenio vertice;
Ma, se a fasti crediam; la bella Pleiade
Nacque essa pur da quell'Atlante astrifero.
D'ambo i germi così da un sangue partonsi.
Dunque non io messi mandai, nè destro
Te pria spiai: franco me stesso esposi,
E il capo mio; supplice tuo quà venni.
Quella, che a te, Daunia genia, pur cruda
Fa guerra a noi: se scaccia noi, confida
Sotto il barbaro giogo Italia trarne
Tutta, e all'Occaso il mar tenerne, e all'Orto.
Fè ricevi e la dà: di braccio e d'alma
Forti siam noi, siam fervid'oste a prova.
Fra il dir d'Enea, quei ne scorrea col guardo
L'aspetto, i rai, tutti del corpo i moti.
Poi corto a lui: Con qual piacer, gran Teucro,
Ti ravviso, t'accolgo! ah! il dir d'Anchise
Quel tuo gran padre e il tuon rammento e il volto!
Ben mi sovvien del Laomedonzio Priamo,
Che in Salamina ito, a veder d'Esione
Sua suora i regni, amò toccar pur Menalo.
Vestiami allora il primo fior le gote;
VIRGIL. Eneid. Tom. II. R.

Mirabarque duces Teucros; mirabar et ipsum
Laomedontiaden: sed cunctis altior ibat
Anchises. Mihi mens juvenali ardebat amore
Compellare virum, et deatrae conjungere deactram:
Accessi, et cupidus Phenei sub maenia duaci.
Ille mihi insignem pharetram Lyciasque sagittas,
Discedens, chlamydemque auro dedit intertextam,
Frenaque bina, meus quae nunc habet aurea Pallas.
Ergo et quam petitis juncta est mihi faedere deactra:
Et, lua quum primàm terris se crastina reddet, 17o
Auacilio laetos dimittam, opibusque juvabo.
Interea sacra haec, quando huc venistis amici,
Annua, quae differre nefas, celebrate faventes
lVobiscum, et jam nunc sociorum assuescite mensis.
Haec ubi dicta, dapes jubet et sublata reponi
Pocula, gramineoque viros locat ipse sedili;
Praecipuumque toro et villosi pelle leonis
Accipit AEnean, solioque invitat acerno.
Tum lecti juvenes certatim araeque sacerdos 179
Viscera tosta ferunt taurorum, onerantgue canistris
Dona laboratae cereris, bacchumque ministrant.
Vescitur AEneas, simul et Trojana juventus,
Perpetui tergo bovis et lustralibus eactis.
Postquameacemptafames,etamorcompressus edendi,
Rea Evandrus ait: Non haec solemnia nobis,
Has ea more dapes, hanc tanti numinis aram,
Vana superstitio veterumque ignara deorum
Imposuit. Saevis, hospes Trojane, periclis

Stupor mi fean que Teucri duci, e anch'esso
Mel fea quel re: ma gia su tutti Anchise.
Disso m'accese il giovin cuor di trarlo
Meco, e d'unir destra con destra: or presso
Gli andai, l'addussi ov ha Fenéo le mura.
Egli egregia faretra e Licii strali,
Partendo, e un vel d'or rabescato, e d'oro
Due fren mi die, che il mio Pallante or gode.
Di fè, qual vuolsi, ecco la destra in arra.
Voi, surto appena il nuovo dì, securi
Congederò, lieti di forze e d'armi.
Or gli annui onor, che differir non lice,
Voi quà ben giunti a celebrar prendete
Nosco, e de soci a costumarvi al desco.
Poi fa cibi riporre e i tolti nappi;
Già i Frigi ei loca in verdi seggi; e in pelle
Di lion d'alto vello a se vuol presso
Lor duce, e al suo d'elce sedil lo invita.
Dell'ara il Mista e scelti fanti a gara
Portan carni arrostite, e a colme ceste
D'alma cerere i don; va bacco in giro.
Enea co suoi d'intégro bue ben cotto
Fa pasto al dorso e agl'immolati entragni.
Spento d'esca il desio, riprese Evandro:
Quest'almo culto a un tanto dio, quest'ara,
Quest'annuo banchettar, non vana impose
Religion, de prischi numi ignara.
Da rii perigli, ospite eroe, sottratti,

Servati facimus, meritosque novamus honores.
Jam primàm saacis suspensam hanc adspice rupem;
Disjectae procul ut moles, desertague montis 191
Stat domus, et scopuli ingentem traarere ruinam.
Hic spelunca fuit, vasto submota recessu,
Semihominis Caci facies quam dira tenebat,
Solis inaccessam radiis; semperque recenti
Caede tepebat humus; foribusque affiara superbis
Ora virilm tristi pendebant pallida tabo.
Huic monstro Vulcanus erat pater: illius atros
Ore vomens ignes, magna se mole ferebat.
Attulit et nobis aliquando optantibus aetas 2OO
Auxilium adventumque dei. Nam maximus ultor,
Tergemini nece Geryonae spoliisque superbus,
Alcides aderat; taurosque hac victor agebat
Ingentes, vallemque boves amnemgue tenebant.
At furiis Caci mens effera, nequid inausum
Aut intractatum scelerisve dolive fuisset,
Quatuor a stabulis praestanti corpore tauros
Avertit, totidem forma superante juvencas;
Atque hos, nequa forent pedibus vestigia rectis,
Cauda in speluncam tractos, versisque viarum 21o
Indiciis raptos, saaco occultabat opaco.
Quaerenti nulla ad speluncam signa ferebant.
Interea, quum jam stabulis saturata moveret
Amphitryoniades armenta, abitumque pararet,
Discessu mugire boves, atque omne querelis
Impleri nemus, et colles clamore relinqui.

Grati il facciam, degni eterniam gli onori.
Mira la rupe a smosse balze imposta;
Mira i massi scagliati, e il sen deserto
Del monte, e i scogli in gran ruine avvolti.
Quì fu grand'ermo, e orrida grotta al fondo,
Che ignota al sol Caco tenea, quel mostro,
Più fiera ch'uom; di fresco scempio sempre
Là il suol fumava; e all'empie bocche affissi
Teschi umani pendean squallidi e putri.
Gli era padre Vulcan: spandea dal gozzo
Gli atri fuochi di lui; movea gigante.
Stanco alfin dai gran voti il ciel n'arrise;
Giunse vindice un dio. Trafitti in uno
Tre Gerion, flagel de mostri, Alcide
Per quà scorgea ricco di spoglie i regj
Membruti buoi, stesi alla valle e al fiume.
Ma il rio ladron, per non lasciar non oso,
Non tratto a fin, nulla d'empiezza e frode,
Toglie al bovil quattro be tori e quattro
Miglior giovenche; e a non stampar per dritto
Orma di piè, trae per la coda i furti
(Talchè il cammin mostri a ritroso ) all'atro
Speco, e gli asconde al cavo sasso in grembo.
Gl'iti a cercar là non guidava un segno.
Ma che? quand'è, che i già satolli armenti
Muove a partir l'Anfitrionio, i tori
Fan mugghi, il bosco empion di lagni, a colli
Dan l'addio colle grida. Una rispose

« 前へ次へ »