ページの画像
PDF
ePub

Su dunque, amici, in tal Peana il capo
S'infraschi ognun, baldo poi corra al nappo;
Vin diasi a colmo, e il comun dio s'invochi.
Disse; e l'Erculeo pioppo il crin gli adombra
Bianco-scuro le foglie, e pende in trecce;
Gli empie la man sacro bicchier. Già tutti
Liban gaj sulla mensa, e a dei fan prieghi.
Quì riedon dapi, offre altra mensa i dolci
Suoi don, l'altar d'onuste lanci abbonda.
Vespero intanto al chino ciel s'appressa:
E in via già son, duce Potizio, i Misti
Con fiamme in man, cinti di pelli all'uso.
Già stan fra i canti, all'ara ch'arde intorno,
Col biscolor populeo serto i Salj;
Vecchi là, quì garzoni, a coro alterno
Fan inni al dio: ch'ei colla man due serpi,
Novercali portenti, elise infante;
Ch'alte città, Troja ed Ecalia, invase,
Vinse, atterrò; che all'aspra Giuno in ira,
Sotto Euristéo, mille affrontò gran rischi.
Tu Folo e Iléo semidestrier nubigeni
Col gran braccio immortal, tu il toro Cretico,
Strozzi, e il Neméo lion dall'ampie tergora.
Tu i Stigii fai laghi tremar, tu Cerbero,
Che su i rosumi in lurid'antro appiattasi.
Te niun ceffo atterrì, non l'arduo armigero
Smisurato Tifeo; nè te mal provido
L'Idra cinse Lernéa d'un stuol d'occipiti.

Salve, vera Jovis proles, decus addite divis:
Et nos et tua deacter adipede sacra secundo.
Talia carminibus celebrant: super omnia Caci
Speluncam adjiciunt, spirantemgue ignibus ipsum.
Consonat omne nemus strepitu, collesque resultant.
Eacin se cuncti divinis rebus ad urbem
Perfectis referunt. Ibat reac obsitus aevo,
Et comitem AEnean juxta natumque tenebat
Ingrediens, varioque viam sermone levabat.
Miratur, facilesque oculos fert omnia circum, 51o
AEneas, capiturque locis; et singula laetus
Eacquiritgue auditoue virilm monumenta priorum.
Tum rea Evandrus, Romanae conditor arcis:
Haec nemora indigenae Fauni Nymphaeque tenebant,
Gensque virilm truncis et duro robore nata;
Queis neque mos, neque cultuserat; necjungere tauros,
Aut componere opes norant, aut parcere parto;
Sed rami, atque asper victu venatus, alebat.
Primus ab aetherio venit Saturnus olympo,
Arma Jovis fugiens, et regnis eacsul ademptis. 52o
Is genus indocile ac dispersum montibus altis
Composuit, legesque dedit, Latiumque vocari
Maluit, his quoniam latuisset tutus in oris.
Aurea quae perhibent, illo sub rege fuerunt
Saecula; sic phcida populos in pace regebat:
Deterior donec paullatim ac decolor aetas,
Et belli rabies, et amor successit habendi.
Tum manus Ausonia et gentes venere Sicanae;

[ocr errors]

Salve, o pien del tuo Giove, onor de Superi:
Deh fausto accorri e alle tue feste e a supplici.
Tai laudi a gara, e in maggior tuon lo speco
Cantan di Caco, e ignispirante il mostro.
Romba il bosco al fragor, n'esulta il colle.
Poi sciolti i voti al Pallantéo ritorno
Fan tutti. Il re, grave d'età, va tardo;
E a fianchi intanto e il Frigio duce e il figlio
Tiensi, e la via col ragionar fa lieve.
Per tutto Enea maravigliando il guardo
Porta, e beasi de luoghi; e cerca e gode
Tutti ascoltar di que lor padri i fasti.
Quì Evandro, autor della Romulea rocca:
Questi boschi lor patrii e Fauni e Ninfe,
E irta razza tenea dall'elci nata;
Senza onor, senza fren; d'arar co tori,
D'unir ricolta, e farne serbo, ignara;
Sol vivea d'aspre cacce, e frutti agresti.
Primo dal ciel venne Saturno; ei l'armi
Fuggia di Giove, iva dal regno in bando.
Questa indocil genia per balzi errante
In corpo ei trasse, e leggi dielle; e Lazio
Fe dirne il suol, che lo guardò latente.
Fu il secol d'Or sotto quel re; sì chete
L'alme genti reggea: poi venne a gradi
Peggior l'età, che alfin si tinse in ferro;
Venne il baco d'aver, l'ardor dell'armi.
Qui fur gli Ausonj, indi i Sicani; e spesso

Saepius et nomen posuit Saturnia tellus.
Tum reges, asperque immani corpore Thybris, 33c
A quo post Itali fluvium cognomine Thybrim
Diximus; amisit verum vetus Albula nomen.
Me pulsum patria, pelagique extrema sequentem,
Fortuna omnipotens et ineluctabile fatum
His posuere locis, matrisque egere tremenda
Carmentis Nymphae monita, et deus auctor Apollo.
Via ea dicta; dehinc progressus monstratet aram,

Et Carmentalem Romano nomine portam -
Quam memorant, Nymphae priscum Carmentis honorem,
Vatis fatidicae, cecinit quae prima futuros 54o
AEneadas magnos, et nobile Pallanteum. - -
Hinc lucum ingentem, quem Romulus acer asylum
Rettulit; et gelida monstrat sub rupe Lupercal,
Parrhasio dictum Panos de more Lycaei.
Nec non et sacri monstrat nemus Argileti,
Testaturque locum, et letum docet hospitis Argi.
Hinc ad Tarpeiam sedem et Capitolia ducit,
Aurea nunc, olim silvestribus horrida dumis.
Jam tum relligio pavidos terrebat agrestes
Dira loci; jam tum silvam saacumque tremebant. 55o
Hoc nemus, hunc, inquit, frondoso vertice collem,
Quis deus, incertum est, habitat deus: Arcades ipsum
Credunt se vidisse Jovem, quum saepe nigrantem
AEgida concuteret deatra, nimbosque cieret.
Haec duo praeterea disiectis oppida muris,
Reliquias veterumque vides monumenta virorum:

Cangiò di nome la Saturnia terra. Quì poi fra i re l'ostico Tebbro emerse Di membra enorme; onde d'Etruria il fiume (Albula in pria) trasse di Tebbro il nome. Me sbattuto pel mar, ramingo, ignudo, L'arbitra sorte e il non domabil fato Quì alfin locaro, e in grave tuon la madre Ninfa Carmenta, e co' suoi carmi Apollo. Com'oltre andò, l'ara e la porta ei mostra Cui Carmental disse il Roman, da prischi Sacra a Carmenta, Arcade dea, gran vate, Che augusto il Pallantéo, gli Eneadi magni Fu la prima a predir. Poi l'ampio luco, Ve Romol fisse il popoloso asilo, E il Lupercal sott'erma rupe addita I Di Pan, che Licio a mo' d'Arcadia è detto. Vien d'Argileto al sacro bosco, e d'Argo L'ospizio accenna, e il letal colpo e l'urna. Poi pel Tarpéo su al Campidoglio il guida, Or d'auro, allor d'ispidi bronchi intesto. Fin da quel dì sacro terror gli agresti Scotea; tremendo era il querceto e il sasso. Tal colle, ei disse, a irsuto crin, tai nemora (Qual Dio l'ignoro) abita un Dio. Von gli Arcadi Quì visto un Giove, alto quant'è, grand'Egida Spesso negra brandir, destar fier turbini. Vedrai pur quinci ampiè due rocche in ruderi, Reliquie illustri e testimon de proavi:

« 前へ次へ »